La pasta fresca all’uovo č l’occasione giusta per gustare il classico sugo di carne bolognese, famoso in tutto il mondo. Le tagliatelle possono essere condite con ogni tipo di salsa: semplice, ai funghi, al tartufo, ma l’abbinamento pił tradizionale e famoso č quello con il ragł alla bolognese.

Orgoglio della cittą di Bologna, le tagliatelle sono il formato di pasta all’uovo pił famoso e, per preservarne la ricetta tradizionale, nel 1972 l’Accademia Italiana della Cucina ha depositato presso la Camera di Commercio di Bologna la ricetta delle autentiche tagliatelle bolognesi che prevede che la larghezza ideale della tagliatella bolognese sia di 5 – 6 mm. da cruda.

Tempo Preparazione: 30 Minuti
Dosi: 6 Persone>
Difficolta’: Facile
Costo: Basso
Ingredienti:

  • 300 gr. di polpa di manzo macinata
  • 150 g di pancetta
  • odori (sedano, carota, cipolla, tritati)
  • vino bianco secco
  • 50 g di burro
  • 4 cucchiai d’olio
  • brodo q.b.
  • 50 gr. di concentrato di pomodoro
  • latte
  • sale
  • pepe
  • 600 g di tagliatelle fresche all’uovo
  • parmigiano reggiano grattugiato

Preparazione:

Mettete nella padella olio e burro, poi unite la pancetta e alla fine gli odori: fate soffriggere lentamente, mescolando spesso. Aggiungete la carne e fatela rosolare; quando ha preso colore sfumate con il vino e fate ritirare a fuoco dolce. A questo punto (facoltativo) potete aggiungere due bicchieri circa di latte caldo, poco alla volta fino ad avere un composto cremoso. Salate, pepate e aggiungete due bicchieri di brodo caldo in cui si č fatto sciogliere il concentrato di pomodoro (che si puņ sostituire, volendo, con della salsa di pomodoro). Il ragł deve bollire dolcemente, senza restare mai asciutto, per non meno di due o tre ore. Cuocete le tagliatelle al dente in abbondante acqua salata, conditete con un pezzetto di burro crudo, aggiungete il ragł e spolverizzate con abbondante parmigiano grattugiato. Il ragł si conserva in frigorifero anche per 15 giorni, senza problemi, in un vaso di vetro chiuso ermeticamente.